La storia di Ramon, 4 anni.

Buongiorno vorrei raccontare la mia esperienza, sono mamma di due bambini: Samuel 10 anni e Ramon 4 anni.

Tutto iniziò il 20 giugno 2007, il giorno in cui detti alla luce il più bel bambino del mondo, forte e sano Samuel pesava 4180 kg per 54 cm. Era sanissimo. Samuel cresceva, parlottava e non aveva problemi a relazionarsi, l'unica cosa è che a volte era aggressivo e usava parecchio le mani, spingeva i bambini, li vedeva cadere e restava ad osservarli. Lo sgridavo, ma iniziai a capire che qualcosa non andava.

A 2 anni lo iscrissi all'asilo e nel frattempo percepivo Samuel sempre più lontano, distaccato, si isolava.
Nel mese di Ottobre feci il primo colloquio con la maestra, la quale mi disse che Samuel nella confusione faticava a sentire.
Lo portai subito a fare i vari esami audiometrici, dai quali mi dissero che il bimbo sentiva benissimo, che era semplicemente svogliato e non collaborava.

Iniziammo le prime prove a casa e mi accorsi che Samuel non sentiva, al contrario di ciò che dicevano, e ogni giorno che passava era sempre peggio, ha smesso anche di parlottare finché non mi sono fatta prescrivere un esame ABR..... ed eccolo lì: Ipoacusia neurosensoriale bilaterale di medio-grave entità.

Un colpo al cuore, mille dubbi, mille domande. E ora che faccio ? Un mondo nuovo...

Fortunatamente ho avuto il supporto dei medici, i quali mi hanno mandata subito da un audioprotesista fantastico, mi disse: “Se resta così e non perde più udito sono sufficienti le protesi, altrimenti dovrà fare l' Impianto Cocleare”.
Da lì abbiamo iniziato a lavorare con Samuel, facevamo logopedia 3 volte a settimana e lui si è stabilizzato, ora parla e sente benissimo. Voi vi chiederete, si, ma cosa c'entra l' Impianto?

Aspettate...

Samuel crescendo iniziava a chiedermi un fratellino, io e mio marito che volevamo 3 figli ci siamo guardati e abbiamo iniziato a farci mille domande.
Sapendo che anche il secondo figlio sarebbe potuto nascere sordo, valutiamo e diciamo: “Con tutto l'amore che ci sta regalando Samuel, abbiamo paura di un paio di protesi?”

Così il 19 settembre 2013 nasce Ramon. Era un amore...
Iniziano i primi esami e Ramon non risponde alle otoemissioni, gli fanno subito un ABR che riscontra ipoacusia bilaterale di grave-profonda entità.

Non volevo crederci, peggio di Samuel... già così piccolo!

A 2 mesi Ramon aveva già le migliori protesi sul mercato, ma vedevamo che non migliorava. I medici mi proponevano l'impianto ma io avevo paura, avevo paura dell' intervento “Il mio piccolino operato nella testa, assolutamente no!”. Mi convincevo che poteva migliorare, dicevo “Cresce e fa come Samuel, poi si stabilizza”.
Invece niente, siamo nel 2015 e decido di iniziare a cercare il miglior chirurgo. Parlo con tanti medici finché incontro il Dott. Zanetti, il quale mi da la giusta fermezza e convinzione per fare l'intervento: il 28 ottobre 2016.

Ramon viene impiantato subito bilateralmente, sono state le ore più lunghe della mia vita. Vedere uscire quel fagottino tutto bendato, su un letto così grande è stato un colpo al cuore, ma sapevo che lo facevo per lui, per il suo futuro. Il 6 Dicembre abbiamo acceso l'impianto, e li credetemi, mi sono resa conto che avevo fatto male a Ramon. Avevo aspettato troppo tempo, ma non potevo farmi più sensi di colpa. Ora Ramon finalmente sente!

Aveva gli occhi sbarrati, fermo ad ascoltare il minimo rumore, e poi pianto, pianto disperato, un pianto di rinascita!

Ora ad un anno e 2 mesi dall'accensione posso dirvi che Ramon sente benissimo, inizia a parlottare ma la strada è ancora tanta, anzi, tantissima. Ma la cosa che più mi gratifica ,è che adesso so di potergli dare una risposta, qualora da grande mi chieda il perché della nostra scelta. So che la vita mi ha messo a dura prova, ma so di aver combattuto con tutte le mie forze, di esser caduta, ma di essermi rialzata più forte di prima. Tutto questo grazie anche a mio marito, sempre presente e pronto a sostenere me e i nostri figli.

Lui, la nostra ancora e miglior papà che i nostri figli potessero avere.

Gessica

RACCONTA ANCHE TU LA TUA STORIA E INVIALA A: latuastoria@impiantococleare.info

Commenti

Commenti

Nessun commento ancora

Lascia un commento