(Italiano) Il coraggio di essere se stessi

2 Responses

  1. Caro Pablo anch' io sono bilaterale ..da 2016/17......sono contento di essere ritornato a sentire e di avere tanto coraggio... Desidererei soltanto che ancune persone non mi guardassero come un andicappato ,e meno male che mi confortano quelli che capiscono ciò che mi è successo....Poi mi chiedo il perché che non c'è un serio rapporto tra i tecnici e noi che abbiam bisogno di essere assistiti più di una volta L' anno ... Al contrario invece dove c'è una collaborazione fantastica con la Logopedista......Tra noi invece vedo che c'è molta comprensione e collaborazione.....Ha!.. dimenticavo il sudore che mi /ci disturba molto....quasi d' aver paura ... Ma l' acqua non è da meno... Tutto qua'.....Buona serata...
    • Pablo
      caro Pietro, chi ti guarda nel modo che hai descritto non merita di essere considerato: quando incontro persone con disabilità diverse dalle mie sono sempre curioso e non perchè è politicamente corretto, ma perchè so bene che dietro tanta fatica c'è sempre qualcosa da imparare e che più grande di me, ne sarò sempre attratto, al contrario della banale "normalità" sempre che esista... sulla considerazione che hai fatto ci confronteremo nel gruppo ;-)...già nel gruppo "portatori impianto cocleare italiani" tutti ti conosciamo ormai, i tuoi buongiorno e le tue citazioni sono un gran bel modo per iniziare la giornata, spesso riflettendo e apprezzando di più quello che si ha

Leave a comment