IC e Telefono fisso… No Problem!

Segui la nostra pagina ImpiantoCocleareInfo per non perderti articoli e iscriviti al nostro forum Portatori Impianto Cocleari Italiani: Sordità, Impianto Cocleare, Informazione e Inclusione sono le tematiche trattate

L’utilizzo del telefono è una delle incognite maggiori per chi si appresta a intraprendere il percorso dell’Impianto Cocleare.
Ma mentre per quanto riguarda il cellulare sono disponibili diversi accessori dedicati (io ad esempio uso l’ottima Phone Clip di Cochlear) cosa succede se per motivi di lavoro o personali volessimo usare il telefono fisso?
Le soluzioni di base sono 2 : utilizzare il metodo classico, ovvero cornetta poggiata sul processore, o cercare di adattare qualcosa di wireless.
Nel primo caso si può andare incontro a diverse difficoltà : la prima è che la qualità audio dalla cornetta generalmente è minore rispetto a quella inviata in streaming direttamente al processore, e la seconda è che per chi, come me, utilizza un processore a singola unità (Kanso, Rondò 1 e 2) la posizione sarà abbastanza innaturale e per nulla comoda.
Esistono in commercio diversi telefoni, sia fissi che cordless, che hanno il bluetooth incorporato. Sono dispositivi che si adatterebbero benissimo allo scopo ma generalmente abbastanza costosi.
Come fare quindi nel caso si disponga del solo accessorio per lo smartphone?

Ho trovato e testato una soluzione che a costo contenutissimo consente di ottenere un ottimo risultato.
Si compone di 3 diversi accessori facilmente reperibili.

1) Adattatore RJ9 con doppio attacco Jack 3,5mm - LINK

L’attacco RJ9 è lo standard per le cornette telefoniche, quindi non dovremmo fare altro che staccare il plug della cornetta dal telefono fisso e collegarci questo.

2) Microfono con jack da 3,5 mm - LINK

Da collegare all’ingresso microfonico del cavetto di sopra. Va bene un qualsiasi microfono con il classico ingresso jack (quello per le cuffie/auricolari).

3) Trasmettitore Bluetooth esterno - LINK

Il modello che ho preso io dispone sia del cavo audio classico che di quello ottico (migliore qualità, si può collegare a TV o impianti Stereo) ma per le esigenze di questo articolo ci limiteremo al solito attacco jack, che andrà inserito nell’uscita audio del primo cavetto descritto.

A questo punto abbiamo tutto il necessario, non ci rimane che associare il nostro dispositivo.
Come ho scritto all’inizio do per scontato che si abbia già il necessario per collegare il proprio processore a uno smartphone.
Quindi Phone Clip, Roger Pen, Artone o qualunque accessorio che sia bluetooth fa al caso nostro.
La procedura per abbinare il trasmettitore a uno dei precedenti accessori è semplicissima e molto ben spiegata nel foglietto illustrativo.

Non serve nient’altro basta fare una semplicissima prova dopo aver acceso tutto e il trasmettitore invierà l’audio in streaming al vostro accessorio BT e da lì al processore.
Sollevate la cornetta (anche se scollegata il pulsante che va a premere quando abbassata funziona ugualmente) e sarete pronti per utilizzare qualsiasi tipo di telefono fisso vogliate.
Il tutto con una spesa inferiore ai 50 euro e un minimo di configurazione da fare solo la prima volta.

In aggiunta il dispositivo di trasmissione si può collegare anche ad altre sorgenti audio, diventando quindi una buona alternativa low-cost ai dispositivi dedicati. Ovviamente le prestazioni saranno leggermente inferiori al corrispondente accessorio “All in one”, soprattutto per quando riguarda i tempi di latenza più alti.

Il risultato finale è all'incirca questo (preso dalla mia postazione di lavoro) :

I link e i prezzi di sopra sono indicativi e soggetti a modifiche da parte dei vari venditori.

Commenti

Commenti

Nessun commento ancora

Lascia un commento