Cochlear Wireless Mini Microphone 2+

Il Mini Microphone 2+ è un accessorio (o come io amo definirlo “L’ACCESSORIO”) di Cochlear studiato per ottimizzare il rapporto segnale-rumore nella comunicazione a 2. Invia la voce dell’oratore direttamente al processore (o processori) del destinatario senza bisogno di dispositivi intermedi.
Migliora la comprensione del parlato in situazioni difficili in cui la distanza, i rumori di fondo o l’acustica scarsa rappresentano dei problemi.
Ha inoltre una serie di altre funzioni che vedremo più avanti, mentre condivide con il modello più piccolo (Mini Microphone 2) quella appena menzionata.
In questa recensione tratterò soprattutto il modello 2+, in mio possesso, elencando comunque le principali caratteristiche del 2.
Partiamo dalle dimensioni, che sono di 61 x 28,5 x 22 mm (53 x 25,5 x 20,3 mm nel 2) per un peso di 22 grammi (17 g. nel 2). La batteria integrata ha una durata di 11 ore in modalità Microfono o Line-in, 10 ore in modalità FM e 7 ore in modalità Telecoil (10 ore nell’unica modalità supportata da 2, ovvero Microfono).
Per entrambi abbiamo un range di utilizzo di 25 metri (senza ostacoli), un tempo di latenza dello streaming di 20 millisecondi e la banda di frequenza di funzionamento a 2,4 GHz.

La loro funzione principale, ovvero quella di microfono, è progettata per estendere la gamma uditiva del processore in una varietà di situazioni quali:
• a casa
• in macchina
• a scuola
• nei locali (ristoranti ecc…)
• durante conferenze o in luoghi di culto
• in viaggio
Immaginate ad esempio di trovarvi a cena in un ristorante e agganciare tramite la clip o il laccio in cordino il microfono al vostro interlocutore. Automaticamente vi arriverà la sua voce direttamente al processore (che abbasserà l’audio proveniente da altre fonti) con un incremento notevolissimo nella comprensione. O magari a scuola farlo indossare all’insegnante, o al vostro compagno di viaggio in macchina o in aereo. O ancora poggiarlo in prossimità degli altoparlanti della TV. Ci sono una moltitudine di situazioni in cui si rivela utilissimo e posso assicurare che svolge il suo compito in maniera perfetta.

L’ottima autonomia della batteria consente di poterlo tenere collegato anche per l’intera giornata senza bisogno di ricariche, ho testato personalmente la durata e posso confermare come veritieri i dati dichiarati dalla casa madre.

CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Per ricaricare il dispositivo basta collegare il cavo micro-USB dell’alimentatore incluso. Durante la ricarica il LED indicatore è rosso e a carica ultimata lampeggerà in verde ogni 2 secondi.
Per accenderlo basta tenere premuto il pulsante posto nella parte alta per 2 secondi, fino a che il LED diventa verde, idem per spegnerlo con la differenza che il LED diventerà rosso.
Anche il collegamento al processore (pairing) è molto semplice e ci sono anche i relativi video nel canale Youtube che mostrano come fare tutto in pochissimi secondi. Tale operazione è ovviamente da fare solo la prima volta, e da la possibilità di collegare uno stesso Mini Microphone 2+ a più processori, anche eventualmente di persone diverse consentendo lo streaming a più individui con un unico microfono.
Una volta completato il pairing si passa al collegamento vero e proprio, che si attiva premendo il pulsante del processore per 2 secondi o utilizzando quello di uno dei controller disponibili (CR210 o CR230).
I processori supportati sono Nucleus 6 e 7, Kanso e Baha 5.
Molto utile, nel caso si tratti di bambini, impostare il processore in CHILD MODE e poter vedere dal relativo LED se lo streaming è attivo o meno. In tale modalità appunto il led di funzionamento lampeggia di verde nel normale utilizzo, mentre lampeggia di blu quando è connesso a un dispositivo wireless e il relativo stream è attivo.

MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO
Oltre alla funzione microfono per le comunicazioni a due (ottenuta facendolo indossare all’interlocutore in posizione verticale e a una distanza tra 10 e 40 cm dalla bocca), il Mini Microphone 2+ ha tutta una serie di modalità di utilizzo aggiuntive che vediamo nel dettaglio:
1. Microfono da Tavolo
Se si poggia il dispositivo in orizzontale su un tavolo il microfono passa in automatico dalla modalità direzionale a quella OMNIDIREZIONALE per captare le voci provenienti da più interlocutori. Questa funzione può essere ottimale nel caso di riunioni dove appunto la parola passi velocemente tra più persone.
2. Telecoil
Grazie alla bobina incorporata si può ricevere l’audio da circuiti chiusi a induzione disponibili in alcuni teatri, scuole, chiese eccetera.
3. FM
Aggiungendo un ricevitore FM esterno mediante connettore Euro a 3 poli
4. Line-IN
Collegando una sorgente audio esterna (Smartphone, tablet, PC, TV eccetera) all’ingresso Jack da 3,5 mm
Il Mini Microphone 2+ rileva in automatico la sorgente audio collegata, ma comunque il passaggio manuale tra le varie impostazioni si gestisce dal pulsante posto sul retro, dove sono presenti anche i 4 led corrispondenti alle diverse modalità.

CONCLUSIONI
Questo dispositivo è stato per me una piacevolissima scoperta. Ho modo di utilizzarlo moltissimo sia per lavoro, in riunioni o mentre seguo dei corsi online al PC o per le videochiamate, che a casa. Qui infatti mi torna utilissimo per l’ascolto della TV o della musica ma ci sono davvero tantissimi ambiti in cui si rivela un ottimo compagno per il vostro processore.
La differenza tra le due versioni è netta, e pur avendo alcune caratteristiche in comune la versione 2+ è davvero completissima e racchiude in un oggetto dal peso e dimensioni contenute una marea di funzionalità che incrementano in maniera esponenziale le possibilità di utilizzo del vostro processore.
Permette di limare notevolmente quelli che sono i limiti noti degli impianti cocleari, ovvero la comprensione nel rumore o l’ascolto da dispositivi esterni.
Per l’acquisto si può procedere dallo store online di Cochlear o da uno dei centri Amplifon affiliati (il prezzo rimane invariato).

Allego i datasheet di entrambe le versioni, presi dal sito ufficiale.
Mini Microphone 2+
Mini Microphone 2

Commenti

Commenti

Nessun commento ancora

Lascia un commento